<<< Page précédente

Consultation du dictionnaire

ACCUEIL

Bibliographie

 

AMMISCARE , AMMISCARSI

RUSSO in Nato in Sicilia 1992: "... non m'ammìscu con le cose che non mi riguardano..." (p. 143); CAMILLERI in Il ladro di merendine 1996 [= Sellerio 2002]: (p. 61), in Un mese con Montalbano 1998: "sangue, cervello, tuorli e albume si erano così ammiscati tra di loro che si poteva fare una frittata..." (p. 52, cf. 2 autres occ.) , in Gli arancini di Montalbano 1999 (p. 214, cf. 2 autres occ.), in Il giro di boa 2003 (p. 77), in La presa di Macallè 2003 (p. 131, cf. 1 autre occ.), in La pensione Eva 2006 (p. 104); ALAJMO in Nuovo repertorio dei pazzi della città di Palermo 2004 (p. 43); GRASSO in Disìo 2005 (p. 46, cf. 1 autre occ.).

Enregistré par Piccitto I ammiscari¹ "...2. mischiare, mescolare...", cf. Rohlfs 422 mišcare, -ri "mischiare...". Sic. ammiscare, calabr. mišcare < lat. parlé *MISCULARE < lat. MISCERE 'mélanger'.

ƒ mélanger, se mêler.

 

AMMODDRARSI

CAMILLERI in Il sonaglio 2009: «...le gamme di colpo gli s'ammoddrarono, dovitti assittarisi supra alla seggia... » (p. 176.

ƒ être sans force, flageoler.

 

AMMODDU

CAMILLERI in La strage dimenticata 1984 [= Sellerio 2001]: " e ancora: "sugnu ammoddu comun na liama" (sono in acqua come la canapa)" (p. 26).

Enregistré par Piccitto I 162 ammoddu "in molle, nell'acqua o in altro liquido...". Sic. ammoddu < sic. moddu (cf. Piccitto II 816 moddu 1) < lat. MOLLE(M) 'mou'.

ƒ au trempage.

 

AMMOÌNO, AMMUÌNO

CAMILLERI in Un filo di fumo 1980 [= Sellerio 1998]: "da ogni ammoino sa tirare il suo interesse" (p. 39); in La strage dimenticata 1984 [= Sellerio 2001]: (p. 37), in La stagione della caccia 1992 [= Sellerio 2002] (p. 61), in Il birraio di Preston 1995 [= Sellerio 2000]: "nell’ammuìno, nello scuro e folla" (p. 191); DI CARA in L'anima in spalla 2004 (p. 144).

Zingarelli 1962 enregistre ammoina et ammuina dans le sens de "confusione"; les éditions siuvantes ne conservent plus que le verbe ammoinare "[sp. amohinar da mohina 'tedio' da mohino 'triste, avvilito'..].In marina, affaccendarsi facendo confusione" (Zingarelli 1994). GDLI I 413 lexicalise ammoìna ("dial. Vocio, confusione") ammoinare "annoiare, tediare", DEI I, 169 ammoìna "…confusione, v. it. merid. Dal gergo militare, da ammoinare" cf. I, 170 ammoinare 2 "ant. annoiare, infastidire, confondere; v. it. merid. ammoinà(re) … dallo spagnolo amohinar (mohina tedio)". Cf. Salzano 31 ammuinà’ "produrre confusione, chiasso (annuìna s.f.)".

Enregistré par Piccitto I 168 "confusione, disordine; trambusto, baraonda; chiasso, frastuono, pandemonio 2 baruffa, tafferuglio 3 festicciola piuttosto animata 4 ammutinamento, cfr. ammuina e ammuinari 2" . ammuinare 2 "ammutinarsi…3 affollarsi, far ressa…". Cf. Rohlfs 76 ammuìna "tafferuglio", ammujìno 77 "confusione, strepito…vocìo"; cf. Piccitto II 881 muìna 2 "sentore di rabbia popolare che tende a esplodere", Rohlfs 405 mboìna, mbojìna, mbuìna "confusione v. mbùjino"; 408 mbùjino "confusione, scompiglio". Sic. Ammuìnu est un deverbal de sic. ammuinari < esp. amohinar.

Pour une autre étymologie nous pouvons partir de sic bbùgghiu (Piccitto I 471: "bollore della pentola…2 fermentazione") < sic bbùgghiri (Piccitto 470 "lessare.. 2. bollire") < lat BULLIRE, sur le modèle bbùgghia 2/ bbùggia / bbùia et bbùgghiu 2 / bbùglio / bbùiu, nous pouvons supposer la création de diminutifs *bbugghìna / *bbuglìna / *bbuìna; sur ce nouveau substantif pourrait avoir été créé le verbe *inbuinari qui donne mbuinari / ambuinari (commutation de préfixe) > ammuinari: d’où les nouveaux subsantifs déverbaus ammuìna / ammuìnu, mbojìna / mbuìna / mbuìnu, muìna.

ƒ remue-ménage.

 

AMMOLA FUOFFICI E CUTEDDA

BUFALINO in Il tempo in posa 1992 [= Sellerio 2000]: "per l'ammola fuoffici e cutedda, aspettato alla finestra con impazienza dalla solerte sartina e dal pensoso assassino" (p. 32).

Enregistré par Piccitto I 162 ammolafòffici e ccutedd(r)i, "v. ammolacutedda, ammolacuteddi arrotino": < sic. ammulari "affilare, arrotare" < lat. MOLA(M) 'meule', cf. Rohlfs 76 ammola - forfici 'arrotino'.

ƒ rémouleur (de ciseaux et couteaux).
 

AMMOLARE

GRASSO in Disìo 2005: "...penetrava le carni come un coltello che ammòla la sua lama sorda e la fa fina..." (p. 143).

Méridionalisme enregistré par Piccitto I 168 ammulari 'aiguiser', cf. Salzano 31 ammulà' id.'. Mérid. ammulà', ammulari < lat. médiéval AMMOLARE 'aiguiser' < lat. MOLA(M) 'meule de moulin' .

ƒ aiguiser.

 

AMMONTONATO

DENTI DI PIRAJNO in La mafiosa 1965 [= Neri Pozza 1995]: "...'A 'gna Sidda Papè ammontonata su un divano, piangeva dirottamente inzuppando i fazzoletti..." (p. 102, cf. 1 autre occ.).

Enregistré par Piccitto I 169 ammuntunari 1 "dis. ammonticchiare, ammassare. Cfr. munti", cf. DEI I 171 ammontonare "...ammassare; spagn. amontonar (montón mucchio), cfr. nap. ammuntunà ammucchiare, tarant. ammuntunare l'ammassare insieme legna, pietre o altro", cf. GDLI I 417 ammontonato "ammassato, ammucchiato in grande quantità". Ammontonato < mérid. ammuntunato, ammuntunatu p. passé de mérid. ammuntunare, ammuntunari < mérid.. monte, munti 'mont, montagne' < lat. MONTE(M) 'id.' ou emprunt à esp. ammontonar < esp. montón 'tas, amoncellement'.

ƒ tassé.

 

AMMORTIFICARI

CAMILLERI in Le ali della sfinge 2006: "Mi voli ammortificari ?" (p.11).

Néologisme formé sur sic. murtificari (cf. Piccitto II 910) ou it. mortificare selon le système morpho-phonématque siilien.

ƒ mortifier.

 

AMMOSCIARE, AMMUSCIARI

CAMILLERI in La stagione della caccia 1992 [= Sellerio 2002]: "Lo sai che se ti metti a ridere, io non ce la faccio, m'ammoscia" (p. 79), in Il birraio di Preston 1995 [= Sellerio 2000] (p. 35); in Il cane di terracotta 1996 [= Sellerio 2001] (p. 130), in La gita a Tindari 2000 (p. 11), in Il re di Girgenti 2001: "e se il signali non viniva le pirsone si sarebbero ammosciate, avrebbero perso gana" (p. 185), in Racconti quotidiani 2001 (p. 48), in Il giro di boa 2003 (p. 36, cf. p. 36), in La presa di Macallè 2003: "mettiri l'aciddruzzo sutta all'acqua fridda per farlo ammusciari" (p. 164, cf. 2 autres occ.); PENDOLA in La riva lontana 2000: (p. 42); GRASSO in La pupa di zucchero 2001: "per il caldo che le ammosciava i nervi" (p. 34), in Disìo 2005 (p. 115).

Méridionalisme enregistré par les dictionnaires d'italien comme variante dialectale de ammoscire (cf. GDLI I 419: diventare vizzo, moscio). Cf. Rohlfs 77 ammusciari "appassire, divenire cascante", Salzano 32 ammuscià "...sgonfiare", Piccitto I 172 ammusciari 2 "ammorbidire" mais ammusciatu 172: "...2. vincido 3. lento; fiacco 4. cadente, accasciato", et ammusciri I 172: "...7. dis. svenire". De l'image du fruit blet, prêt à se détacher de la branche, on passe à l'idée générale de tomber, puis à celle de s'affaisser.

ƒ dégonfler, amollir, mollir.

 

AMMOSTRARE

Cf. Piccitto I 173 ammustrari "mostrare .2. dimostrare...", cf. Rohlfs 77 ammustrari "mostrare". Calabro-sic. ammustrari < calabro-sic. mustrari 'montrer' < lat. MONSTRARE 'id.'.

ƒ montrer; démontrer.

 

AMMUCCALAPÙNI, AMMUCCAPASSALÙNI

GRASSO in L'albero di Giuda 1997: "Cretino ammuccalapùni (credulone)" (p. 5); BONAVIRI in Il fiume di pietra 1964 [= Oscar Mondadori 1997]: "Tieni, ammuccapassalùni!" (p. 14).

Enregistré par Piccitto I 163 ammuccalapuna 2 e ammuccalapuni "v. ammuccabbaddi 2...V. anche mmuccalapuni", cf. I 163 ammuccabbaddi 2 "credulone, ingenuo .2. gonzo...", II 805 mmuccalapuna "credulone". Le terme est composé de sic ammucca < lat. parlé *IMBUCCA + sic. lapuni "pecchione, maschio dell'ape .2. calabrone...vespa" < lat. parlé *APA(M) (à la place de lat. clas. APE(M) ). Cf. Piccitto I 163 ammuccapassaluna "sost. inv. credulone". Formé sur verbe sic. ammuccari "imboccare, abboccare...25. bersela, bere grosso, credere con grande facilità anche le cose più inverosimili" (Piccitto I 164) + substantif passuluni " fico secco intero; ammuccari p. , fig. essere credulone" (Piccitto III 635).

ƒ benêt, gobeur; gogo.

 

AMMUCCARE

CAMILLERI in Il corso delle cose 1978 [= Sellerio 2000]: "Nossignore, volevano che Ignazio Martinez ammuccasse quello che scrivevano. Ignazio ammuccò..." (p. 90 cf. 1 autre occ.), in Il cane di terracotta 1996 [= Sellerio 2001] (p. 22), in La bolla di componenda 1993 [= Sellerio 2002] (p. 29), in Il re di Girgenti 2001 (p. 49, cf. 2 autres occ.), in La luna di carta 2005: "Che potiva fargli ammuccare la prima minchiata che le passava per la testa ?" (p. 116, cf. 1 autre occ.), in La vampa d'agosto 2006 (p. 111, cf. 1 autre occ.); GRASSO in L'albero di Giuda 1997: "l'aveva sfoticchiato per almeno sei mesi con una faccia seria seria di chi se l'ammucca (ci crede seriamente)" (p. 176).

Enregistré par Piccitto I 164 ammuccari¹ "dar da mangiare, imboccare i bambini o i malati...25. bersela, bere grosso, credere con grande facilità anche le cose più inverosimili...", cf. Rohlfs 425 mmuccare "v. mbuccare", 407 mbuccare, -ri "imboccare, inghiottire, abboccare...v. abbuccare"., Salzano 31 ammuccarse 'id.' Sic. ammuccari, calabr. mmuccare, mbuccare, nap. ammuccarse < lat. parlé *IMBUCCARE < lat. BUCCA(M). 'bouche'.

ƒ gober.

 

AMMUCCARSI

SAVATTERI in Gli uomini che non si voltano 2006 [= Sellerio 2007]: "...si ammucca con una signorina nella villa comunale" (p. 76).Cf. AMMUCCARE.

ƒ se donner du bon temps.

 

AD AMMUCCIA-AMMUCCIA

CAMILLERI in L'odore della notte 2001: "A questo punto arriva il professor Tommasino, Gargano gioca con lui ad ammuccia-ammuccia" (p. 188), in Il re di Girgenti 2001: "Era l'ammuccia-ammuccia, il nascondino" (p. 143).

Enregistré par Piccitto I 165 ammùccia o â mmùccia "loc. avv. in iucari a. giocare a rimpiattino, anche iucari a. a. o a ammùccia...". Sic. ammuccia-ammuccia, variante locale de sic. a ammuccia < sic. ammucciari. Cf. AMMUCCIARE.

ƒ à cache-cache.

 

AMMUCCIABILE

CAMILLERI in La luna di carta 2005: "...sempre fatto in modo d'ammucciare l'ammucciabile" (p. 56).

Néologisme: adjectif substantivé, déverbal de sic. ammucciari 'cacher'. Cf. AMMUCCIARE.

ƒ ce qui peut être caché.

 

AMMUCCIARE

CAMILLERI in Il corso delle cose 1978 [= Sellerio 2000]: "l'ammazzato impestava l'aria mezzo ammucciato da una macchia di saggina" (p. 14, cf. p. 27), in La stagione della caccia 1992 [= Sellerio 2002] (p. 24, cf. 4 autres occ.), in Il birraio di Preston (..., cf. 7 autres occ.), in La forma dell'acqua 1994 [= Sellerio 1998] (p. 91, cf. p. 67), in Il birraio di Preston 1995 [= Sellerio 2000]: (p. 28, cf. 7 autres occ.), in Il cane di terracotta 1996 [= Sellerio 2001] (p. 31, + 11 autres occ.), in Il ladro di merendine 1996 [= Sellerio 2002]: "Allora si mise a taliàre in tutti i posti dove avrebbe potuto ammucciarsi, nascondersi" (p. 104, cf. 4 autres occ.), in La voce del violino 1997 (p. 50, cf. 5 autres occ.), in La concessione del telefono 1998 (p. 198, cf. 1 autre occ.), in Un mese con Montalbano 1998 (p. 13, cf. 12 autres occ.), in Gli arancini di Montalbano 1999: (p. 29, cf. 15 autres occ.), in La mossa del cavallo 1999 [= BUR 2004] (p. 50, cf. 3 autres occ.), in La scomparsa di Patò 2000 [= Oscar Mondadori 2002] (p. 51), in Biografia del figlio cambiato 2000 [= BUR 2004] (p. 27, cf. 10 autres occ.), in La gita a Tindari 2000 (p. 82, cf. 8 autres occ.), in L'odore della notte 2001 (p. 53, cf. 7 autres occ.), in Il re di Girgenti 2001 (p. 21, cf. 30 autres occ.), in Racconti quotidiani 2001 (p. 52), in Le inchieste del commissario Collura 2002 (p. 37), in La paura di Montalbano 2002 (p. 11, cf. 20 autres occ.), in Il giro di boa 2003 (p. 59, cf. 6 autres occ.), in La presa di Macallè 2003 (p. 28, cf. 15 autres occ.), in La prima indagine di Montalbano 2004 (p. 9, cf. 17 autres occ.), in La pazienza del ragno 2004 (p. 50, cf. 9 autres occ.), in Privo di titolo 2005 (p. 43, cf. 2 autres occ.),in Il medaglione 2005 (p. 30, cf. 1 autre occ.), in La luna di carta 2005 (p. 10, cf. 19 autres occ.), in La pensione Eva 2006 (p. 28, cf. 2 autres occ.), in La vampa d'agosto 2006 (p. 81, cf. 4 autres occ.); AGNELLO HORNBY in La zia marchesa 2004 (p. 138); BUTTAFUOCO in Le uova del drago 2005 (p. 218); GRASSO in Disìo 2005 (p. 14, cf. 4 autres occ.); GIARDINA in Pizza con crauti 2006 (p. 34, cf. 4 autres occ.).

Enregistré par DEI I 171 "nascondere; v. it. merid., dal norm. mucher (fr. mod. se musser), da un *muciare nascondere di origine celtica. Cfr. il rom., umbro, a.tosc. 'mucciare' ". Cf. Salzano ammuccia' 31 "v. intr., rifl., smettere di parlare, deporre la superbia", (a la) ammucciùne 31 " di soppiatto, alla chetichella"; le verbe est lexicalisé par Piccitto I 165 ammucciari "nascondere.", Rohlfs ammucciare, -ari 76 "nascondere [ant. fr. mucer, mucher, fr. mod. musser]". Mérid. ammuccià, ammucciari < a. normanno-picard mucher, variante musser, XIIe s., 'cacher' < lat. lat. pop. *MUCIARE d'origine gauloise.

ƒ cacher.

 

AD AMMUCCIAREDDU

TORREGROSSA in Il conto delle minne 2009: « ...hai gana di giocare ad ammucciareddu ? » (p. 153).

Enregistré par Piccitto I 165 'à cache-cache', cf. sic. iucari ammuccia < sic. ammucciari 'cacher'. Cf. AMMUCCIARE.

ƒ (jouer) à cache-cache.

 

AMMUCCIUNI, A MUCCIUNI

CAMILLERI in La stagione della caccia 1992 [= Sellerio 2002]: "Devi sapere che quel garruso di Gregorio Gulisano mi aveva seguitato ammucciùni" (p. 69), in La forma dell'acqua 1994 [= Sellerio 1998] (p. 92), in Il re di Girgenti 2001 (p. 420), in Il giro di boa 2003 (p. 152, cf. 1 autre occ.), in Privo di titolo 2005 (p. 285), in La pensione Eva 2006 (p. 79, cf. 2 autres occ.); ATTANASIO in Di Concetta e le sue donne 1999: "non avevamo nessuna libertà, era peggio di quando eravamo ziti a mucciuni" (p. 57).

Enregistré par Piccitto I 166 ammucciuni "di nascosto...", II 807 mmucciùni "v. ammucciùni 1 .2. parrari mm. parlare sottovoce", cf. Rohlfs 76 ammucciuni "di nascosto, di soppiatto". Calabro-sic. ammucciuni < calabro-sic. ammucciari. Cf. AMMUCCIARE.

ƒ en cachette.

 

AMMUDDRARI

CAMILLERI in La pazienza del ragno 2004: "Si scioglie, , ammoddra dintra, si liquefa" (p. 12).

Variante locale de sic. ammuddari, cf. Piccitto I 166 ammuddrari "v. ammuddari 8", ammuddari "antiq. ammollare ...5. intr. rammollirsi, diventar molle...8. esser colpito da paralisi; restare paralitico...11. dis. perdersi d'animo...Cfr. ammuddiri e arrimuddari". Sic. ammuddrari, ammuddari < sic. moddu, muddu 'tendre, mou' < lat. MOLLE(M) 'mou' avec un changement de classe.

ƒ se ramollir.

 

AMMUFFUTO

P. passé de sic. ammuffiri (Piccitto I 167), doublet de ammuffari 'moisir'; cf. Rohlfs 76 ammuffare 'id.', cf. DELI III 783 muffa.

ƒ moisi.

 

AMMUGGHIARE

TOSCANO in Ultimo appello 2005: "E di quell'altro ruffiano di parrino che ammugghiò tutte cose" (p. 81).

Sicilianisme enregistré par Piccitto I 167 ammugghiàri 1 "avvolgere .2. aggomitolare...4. avvoltolare...8. fare qualche imbroglio nel rendere i conti...". Sic. ammugghiari, ammugliari < sic. mmugghiàri, mbugghiàri 'id.' < lat. parlé *INVOLIARE, à partir de *INVOLVIARE, refait sur lat. INVOLVERE 'envelopper, dissimuler', cf. a. tosc. invogliare 'emballer', calabr. mbolicare "avvolgere, imbrogliare, arruffare" (Rohlfs 405).

ƒ embrouiller; dissimuler.

 

AMMUÌNO cf AMMOÌNO

 

AMMULINGIANATO

GRASSO in Disìo 2005: "...il collo del Sostituto non fosse stato livido, ammulingianàto per il caglio del sangue..." (p. 158).

Variante locale de sic. ammulincianatu 'livide' (Piccitto I 168) < sic. milinciana, milingiana, murinciàna 'aubergine'. Cf. MILINCIANA.

ƒ livide.

 

AMMULLACCHIARE

GRASSO in L'albero di Giuda 1997: "...mica brodo di ceci! dove voialtri, bestiacce, ammullacchiate la mollica di pane duro" (p. 148).

Formé sur sic. ammuddari, ammullari. Cf. Piccitto I 166 ammuddari "antiq. ammollare .2. inzuppare il pane nel brodo o nel sugo...", I 168 ammullari 1 "v. ammugghiari 3", I 167 ammugghiari 3 " inzuppare, ad es. il pane in un liquido...". Ammullacchiare < sic. ammullari < sic. ammollu, ammoddu " in molle, nell'acqua o in altro liquido..." (Piccitto I 162) < lat. MOLLE(M) 'mou'.

ƒ tremper.

 

AMMUNZIDDARE

GRASSO in Pazza è la luna 2007: "...ristatùre di foglie secche ammunziddàvano ai bordi della strada" (p. 154).

Enregistré par Piccitto I 169 ammunziddari 'amonceler, entasser'. Sic. ammunziddari < calabro-sic. munzeddu 'amas' < lat. MONTICELLU(M).

ƒ entasser, s'entasser.

 

AMMUSCIARI  cf AMMOSCIARE

 

AMMUSSARE

CAMILLERI in Un mese con Montalbano 1998: "...fece Montalbano vedendo che il piccolo si era ammussato" (p. 145).

Enregistré par Piccitto I 172 ammussari¹ "intr. e più spesso rifl. imbronciarsi, fare il muso lungo; indispettirsi...", cf. Rohlfs 77 ammussari "pigliare il broncio, far brutto muso". Calabro-sic. ammussari < calabro-sic. mussu (cf. Piccitto II 923 mussu "parte della faccia tra il naso e il mento...", Rohlfs 446 "muso, labbro, grugno, viso...") < lat. pop. (VIIIe s.) MUSU(M). Cf. GDLI I 421 ammusato " Dial. Immusonito...imbronciato...".

ƒ bouder, se renfrogner.

 

AMMUTICÙNA

GRASSO in L'albero di Giuda 1997: "aveva preso l'aria dei cani idrofobi prima d'azzannare la vittima, quando ringhiano con la gola pinzata ammuticùna (silenziosamente)" (p. 173).

Néologisme formé sur sic. mutu, cf. Piccitto I 173 ammutiri "ammutolire".

ƒ en silence.

 

AMMUTIRE

BONAVIRI in Il fiume di pietra 1964 [= Oscar Mondadori 1997]: " Il maestro Salémi si era ammutito" (p. 54).

Enregistré par Piccitto I 173 ammutiri " intr. e rifl. ammutolire; diventare muto .2. tacere non avendo argomenti plausibili per rispondere...", cf. Rohlfs 77 ammutari., Salzano 32 ammuti' 'id.'. Mérid. ammuti', ammutiri < mérid. muto, mutu < lat. MUTU(M) 'muet'.

ƒ se taire.

 

AMMUTOLERO

CAMILLERI in Il casellante 2008: "Totò e Nino ammutolero" (p. 27).

Néologisme formé sur it. ammutolire, cf. sic. ammuttiri 'devenir muet'. Ammutolero: 3e pers. pl. du passé simple.

ƒ se turent.

 

AMMUTTARE, AMMUTTARI

CAMILLERI in La forma dell'acqua 1994 [= Sellerio 1998]: "si avviarono verso il posto di lavoro ammuttando ognuno il proprio carrello" (p.12), in Il birraio di Preston 1995 [= Sellerio 2000]: "Fu in questo spingere, ammuttàri avanti e narrè che…" (p. 186, cf 187), in Il ladro di merendine 1996 [= Sellerio 2002]: (p. 148, cf. 1 autre occ.), in La mossa del cavallo 1999 [= BUR 2004] (p. 220), in L'odore della notte 2001 (p. 84, cf. 2 autres occ.), in Il re di Girgenti 2001 (p. 22 cf. 1 autre occ.), in Le inchieste del commissario Collura 2002: (p. 51), in La paura di Montalbano 2002 (p. 29, cf. 2 autres occ.), in Il giro di boa 2003 (p. 61, cf. 1 autre occ.), in La presa di Macallè 2003 (p. 26, cf. 5 autres occ.), in La prima indagine di Montalbano 2004 (p. 11, cf. 2 autres occ.), in La pazienza del ragno 2004 (p. 58), in Privo di titolo 2005 (p. 74, cf. 21 autres occ.), in La luna di carta 2005 (p. 24, cf. 1 autre occ.), in La pensione Eva 2006 (p. 10, cf. 4 autres occ.), in La vampa d'agosto 2006 (p. 82, cf. 1 autre occ.); GRASSO in Ninna nanna del lupo 1995 (p. 123), in Disìo 2005 (p. 26); SAVATTERI in La ferita di Vishinskij 2003 (p. 183).

IEnregistré par Piccitto I 173 ammuttari 1 "spingere. Sic. ammuttari, mmuttari, variante de sic. mbuttari (cf. Piccitto II 712 mbuttari 1), composé de sic. bbuttari (Piccitto I 492), cf. calabr. vuttare ‘pousser’ (Rohlfs 795), mbuttari (409); sic. bbuttari, calabr. vuttare < it. buttare ‘lancer, jeter’, emprunté à a. fr. boter, bouter ’frapper, pousser, mettre’ (< francique *BÔTAN ‘frapper’, ou emprunt direct à a. fr. boter. Autre hypothèse: calabro-sic. mbuttari < lat. parlé *IMBOTTARE, comme it. imbottare < lat. BUTTE(M) ‘tonneau’; cf. ABBOTTARE.

ƒ pousser, bousculer.



 

Page suivante >>>