© H. Broch 1992.
Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo articolo puo' essere riprodotta - in qualunque forma - senza un permesso scritto.
All rights reserved. No part may be reproduced in any manner whatsoever without written permission.

Euroskeptics 4o Congresso Europeo, 2o Congresso Nazionale CICAP
(Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale)

Saint Vincent, Aosta. Italia. 17-19 luglio 1992

"Nel Cuore dell'Extra - Ordinario"


Henri BROCH
Università di Nice-Sophia Antipolis

Da quando fenomeni si vogliono fuori il campo del miraviglioso poetico e quando il loro studio rivendica il statuto di "nuova scienza", allora la scienza deve interessarsi a questi fenomeni e essaminarle con il metodo rigoroso che è il suo e che ha fatto largamente le sue prove.
A qualsiasi momento dell'indagine su questi fenomeni "paranormali" - il paranormale è infatti il nome di oggi del sopranaturale, del miracoloso ornato di attributi scientifici - "fuori norme", "fuori ordinario" ("extra - ordinario"), non si deve essere questione di credenze o di convinzioni ma soltanto di argomenti chiaramente sostenute e di prove scientificamente controlabile.

Aldila della simplice informazione precisa sui fatti, l'oggettivo del mio intervento è di mostrare che un accesso rigoroso puo essere fatto senza necessitare enorme mezzi; l'oggettivo è di mettere in rilievo che quello che conta nella scienza - più che i resultati - è il suo metodo, il suo... spirito.

La finalità del mio discorso è dunque di svillupare la Zetetica.
Ma, che cosa è questa "Zetetica" ?
La Zetetica è il "metodo di cui si serve per capire la ragione e la natura delle cose"; infatti è il metodo scientifico.
Senza svilluppare tutto questo vero "arte del dubbio" che costituisce la Zetetica, possiamo enumerarne le principale faccette e dare soltanto - sarebbe qui troppo lungo di illustrarle tutte - qualche esempi.

 

- La natura è sicura
La natura è di un "funzionamento" sicuro. Indipendentemente del osservatore, la natura è. Non si deve credere nella gravitazione per osservare la sua azione; non si dovrebbe avere da credere nella Percezione Extra-Sensoriale per osservare la sua azione.

- Gli occhi del cuore hanno una cattiva vista
Dobbiamo sempre diffidarsi del l'"esposizione selettiva", principio psicologico ben documentato: scegliamo le nostre informazioni in modo da permettere alle nostre opinioni di essere confermate.
Dobbiamo "vedere" col nostro cervello, non soltanto col cuore.

- La forza di una credenza puo essere stragrande
Il desiderio di credere a l'extra-ordinario spinge numerosi individui a rinnegare tutta evidenza mostrando che sono stati imbrogliati.
La storia di Joseph Banks Rhine, il "padre della parapsicologia scientifica" è, di questo punto di vista, molto edificante (1).

- L'errore è umano, la fallibilità permanente no
La fallibilità permanente è come l'infallibilità: ne l'una ne l'altra sono infatti il privilegio di qualche persone o anche di una sola. Ma, se per la seconda quello pare evidente, per la prima si sta meno attento. Per quello, penso che si deve ricordare che nessuno ha il privilegio di sbagliarsi sempre.
Anche un divinatore o un astrologo fara necessariamente qualche volte predizioni esatte.

- Una allegazione straordinaria richiede una prova più che ordinaria
Più le allegazione sono fuori del quadro conosciuto, più gli sostegni devono essere solide e le verifiche rifinite.
Se vi dico che, avendo una mela nella mano e postato alla finestra, l'ho lasciato andare e l'ho vista cadere verso il suolo, forse non mi chiederete prova "impellente" di questo. Ma se vi dico che ho visto la mela salire maestosamente in aria, allora dovete richiedermi prove più convincente che questa sola dichiarazione.

- L'origine dell'informazione è fondamentale
Si deve sempre tenere un dubbio quando non si ha potuto verificare qualche cosa direttamente o farla verificare dalle personne o opere competente nel campo preciso.
Per esempio:
Quasi tutti dizionarii spiegono che ci sono 12 costellazioni zodiacale (i.e nelle quale il Sole pare muoversi nel suo percorso sulla sfera celestiale). Infatti, il Sole non "attraversa" 12 costellazioni, ma... 13 !
E quella che è stata dimenticata, Ophiucus o il Serpentario, non è piccola: il Sole si trova nel Serpentario tre volte più tempo che nella costellazione adiacente del Scorpione ! (1)
Gli astrologhi si sbagliano encora su altre cose. Se volete conoscere il vostro... vero segno zodiacale (si, si, questa cosa essista e puo definirsi astronomicamente) che prende in conto le 13 costellazioni zodiacale, la precessione degli equinozi e la "dimensione" di queste costellazioni sull'eclittica, il servizio Minitel 36.15 ZET dell'Università di Nizza vi aiutera.

- Il contesto è importante
Il contesto permette spesso di fare la scelta tra vari ipotesi.
Per esempio:
Nel campo del archeologia spaziale, il "cosmonauto maya" è forse il pezzo il più conosciuto e la prova che degli estraterrestri sono venuti prendere contatto con gli uomini nell' Antiquita. Questa "prova" è il disegno scolpito sulla lastra del sarcofago scoperto nella cripta della "Piramide delle Iscrizioni" nella zona archeologica messicana di Palenque e che rappresenta, secondo Kolosimo e tanti altri, "un astronauta al posto di pilotaggio del suo veicolo".
Infatti, il simplice contesto maya locale ci da l'interpretazione corretta a dare a questa scoltura: un uomo sacrificato sull'altare e la pianta sacra degli maya, il granturco ! (1, 2, 3)

- L'illusionnismo ha una funzione critica essenziale
Si deve sempre ricordarsi del ruolo critico che puo avere l'illusionnismo nella maggior parte dei fenomeni "paranormali".
Gli esempi vanno di "Uri Geller" ai "guaritori a mani nude" tra il "Progetto Alpha" (1, 2, 4).

- L'alternativa è feconda
Forse l'utensile il piu potere che abbiamo alla nostra disposizione.
Davanti a un fenomeno paranormale chiediamo "Quale potrebbere essere l'altra spiegazione che darebbe lo stesso risultato con tutte le caratteristiche del fenomeno ?"

Per esempio si puo, scendendo un po la scala del tempo, dare una occhiata a l'alternativa per vari miracoli :

*** Il miracolo della liquefazione del "sangue di San Gennaro" in Napoli puo spiegarsi con... una simplice ricetta che si trova nel dizionario di Pierre Larousse del ottocento !
Cosi, una ampolla, che ho fabricato più di 10 anni fa, presenta tutte le caratteristiche del miracolo in cui la "sopranaturale" transizione duro-liquido si fa seguendo... la temperatura (1, 2, 5). Da questa realizzazione sono dunque il lieto possessore di un miracolo tascabile.
(la nuova ipotesi, recentamente mediatizata, di una sostanza tissotropica per spiegare il miracolo di San Gennaro... non è nuova finche è già stata pubblicata da un professore italiano in 1890 - mille otto cento novanta - e... non spiega il miracolo perchè ci sono, tra altre cose opponente a questa ipotesi, casi attestati in cui il "sangue" è ridiventato duro durante la processione)
Ci sono anche dei testimoni istorici mostrando che questo "miracolo" è una truffa cosciente della parte del clero napolitano (1, 2).

------> Per vedere il "miracolo tascabile"<------

*** Per memoria si puo ricordare la famosa "Santa Sindone" di Torino che è infatti il risultato di una velatura su un bassorilievo del Cristo e uno scrocco del clero di Lirey in Francia negli anni 1350 (tutte le prove, anche per il fatto che si tratta di un scrocco e non di una simplice mistificazione, sono in ref. 2 e complementi in ref. 1).
Per memoria, perchè oggi con i risultati del C14 non c'è più da discutere.

-----> Per una foto degli ingredienti<------ ------> Per una foto della velatura<------

*** Siamo adesso al primo secolo prima la nostra era e vediamo il fisico Heron di Alessandria che ci spiega chiaramente le tecniche e gli meccanismi precisi per fare vari miracoli come... vasca inesauribile,... porte di cappella che si approno e si chiudono da solo (mecanismo - basato su acqua, aria e fuoco - totalmente reversibile), statue che fanno libagioni, ... porte che fanno musica quando aperte, ... lume a olio eterno, etc..., etc... (1)

*** Andiamo encora piu indietro nel tempo e troviamo, in Etruria, nel IV secolo prima la nostra era, quello che è forse il più vecchio utensile truccato che ci sia conservato fino a noi: il "Vaso magico", adesso in un museo di Amsterdam.
Questo vaso permette - con l'aiuto delle dita per chiudere o aprire bucchi nascosti - di versare due liquidi da una sola bocca o, più poeticamente, di trasformare l'acqua in vino... quasi 400 anni prima delle nozze di Cana! (1)

I miracoli che veniamo di vedere sono tutti basati su un trucco che l'alternativa puo rendere chiaro ma ci sono anche dei fenomeni "miracolosi" che, in fatto, non hanno bisogno di nessun trucco. La fecondità dell'alternativa sara questa volta di permettere di dire "Si, il fenomeno è vero, ma forse non c'è bisogno di fare appello al miracolo, al sopranaturale; si puo dare una spiegazione naturale".
Un esempio:

*** La camminata sui carboni ardenti pare veramente un miracolo che necessita un potere della mente straordinario o un controllo sul suo corpo degno dei lama tibetani.
Infatti, il miracolo è dovuto alla debole capacita calorifica dei carboni e alla loro anche debole conduttivita termica (1).
Per dimostrare questa alternativa, ho camminato, piedi nudi, su carboni - temperatura misurata di più di 700° C - dopo una conferenza sui fenomeni paranormali al Centro Nazionale della Ricerca Scientifica di Marsiglia, leggendo il capitolo del mio ultimo libro che spiega la camminata sul fuoco. Senza essere cotto al puntino!

------> Per vedere la camminata di Henri Broch<------

 

Praticare l'Arte del Dubbio necessita di essere attento a numerosi comportamenti che intervengono nel campo del paranormale e più precisamente a cose che ho chiamato "effetti..." (2). Sarebbe troppo lungo di fare qua un giro di tutti; vediamo dunque soltante tre di questi "effetti".

 

- Effetto Impatto
Si deve stare attento al peso delle parole; l'"effetto impatto" consiste a usare la conotazione di parole per indurre una idea un po differente di quella che le parole pretendono rappresentare.


- Effetto Cicogna
L'"effetto Cicogna" consiste a confondere correlazione e causalità.
Se un indagine in Alsazia ci ha fatto prendere coscienza che il numero di abitanti di questa regione aumenta proporzionalmente al numero di cicogne presente, forse non siamo obbligati di concludere che abbiamo dunque la prova scientifica che sono le cicogne che portano i nuovi-nati !
Si puo ridere di buon cuore ma questo effetto è spesso presente nei vari campi paranormali, dal potere straordinario della Luna Rossa che fa diventare rossiccio gli germogli (1) alla famosa "acqua con memoria" del Dottore Benveniste (1, 6).


- Effetto Zerbino
L'"effetto Zerbino" è forse il più importante di tutti. Consiste a servirsi della scelta delle parole e infatti di usare una parola per nominare un'altra cosa che la cosa che questa parole designa.
Esempi:

*** "Il medium è controllato dai due vicini che li tengono solidamente i polsi e mettono loro piedi su quelli del medium" o encora "Il controllo è assicurato da un usciere che mette mani e piedi su quelli del medium". Ecco le descrizione di sedute spiritiste in cui si metteva una lavagna e un gessetto sotto la tavola intorno alla quale erano seduti i partecipanti, il medium e l'usciere. Nel buio, lo spirito invocato scriveva varie cose sulla lavagna.
Ma forse siamo davanti un "effetto Zerbino" e l'usciere controllavo infatti le... scarpe del medium che aveva i piedi - con calze tagliate a l'estremità per lasciare tutta l'agilità alle dita dei piedi - perfettamente liberi per prendere il gessetto... (2).

*** "Incredibile: un misterioso divinatore ha predetto i numeri vincenti del Loto statale !"
Questo titolo - a caratteri cubitali - è quello di un grande quotidiano regionale francese di gennaio 1989 che introduce un articolo di mezza pagina spiegando che un divinatore ha potuto fare la cosa la più straordinaria che si sia: predire chiaramente gli 6 numeri vincenti del Loto.
Un ufficiale giudiziario, convocato per la circostanza, ha fatto una costatazione legale dicendo che "una lettera era stata spedita più di 24 ore prima del sorteggio del Loto", lettera che dava il fantastico risultato della concentrazione mentale del divinatore.
Una valanga inimmaginabile di lettere e di telefonate fu la consequenza di questo articolo.
Infatti siamo davanti un... doppio "effetto Zerbino" e quello li è sicuro perché il "divinatore" è... me stesso !

L'ufficiale giudiziario avrebbe dovuto attestare soltanto che "una busta (una busta, no una lettera: primo effetto Zerbino) era stata tamponata (tamponata, no spedita: secondo effetto Zerbino) più di 24 ore prima del sorteggio del Loto". L'interesse di questa corretta attestazione non è lo stesso...
Il trucco per ottenere cosi verbale con "un timbro che fa fede" è molto simplice e l'ho spiegato dopo qualche giorni ai lettori del quotidiano con qualche righe sull'effetto (1).

Quando accanto a un zerbino, c'è un cartellone dicendo "Pulire i piedi", vi faccio una sola domanda: qual è il lettore che si è gia tolto scarpe e calze per ubbidire ?
Ecco perchè l'effetto Zerbino è molto efficiente nel campo del paranormale: perchè si usa spesso nella vita di ogni giorni senza accorgersi.

Per avere una "credibilita" encora più forte si puo evidentemente usare questi effetti (e altri !) simultanemente. Qualche tenenti del paranormale non se ne privano; per esempio, il Dr. Benveniste nel suo articolo sulla "memoria dell'acqua" nella rivista Nature (1, 7).

Ma, ritorniamo alle faccette della Zetetica.

- Quantita non è qualità
Non è la quantita di prove che rende una teoria corretta ma la qualità della prova. Basta una prova di qualità, non una collezione di aneddoti.

- Una teoria scientifica è confutabile
Per ottenere l'etichetta "scientifica", una teoria deve essere confutabile; vuol dire che si deve essere possibile di concepire un esperimento per confermare o infirmare questa teoria.
In un caso concreto, si puo per esempio chiedere a una persona quale sarebbe il fatto o l'esperimento che la farebbe cambiare opinione. Se non c'è niente, allora questa ipotesi è "non-scientifica", "a-scientifica".

- La storia delle science e tecniche ha la sua utilità
La storia delle science e delle tecniche è per mè l'occasione di insistere sul fatto che, nel campo del paranormale, si deve stare attento di "non buttare via il bambino con l'acqua del bagno".
Per esempio, si trova in dizionari che la pila elettrica è stata scoperta da Alessandro Volta in 1800. Eppure ci sono "oggetti di culto" datando del periodo partho mesopotamico (quindi circa 2000 anni di età) che hanno una probabilità veramente molto alta di essere... pile elettriche!
La riproduzione precisa che ho fatto di una "pila di Bagdad" (terra cotta, catrame, rame e ferro) funziona molto bene con un elettrolito simplice: acqua di mare (1).
Senza erogazione, questa "pila mesopotamica" troneggianto sulla mia scrivania ha già tenuto la carica per più di 7000 ore e... continua!

- Concorrenziale non è per forza contradittorio
Generalmente teorie competitive non sono contradittorie logicamente; questa differenza vuol dire che molto spesso, in un dibattito, il fatto di mostrare che l'opponente ha torto non significa per forza che abbiamo ragione. Certo, non possiamo avere ragione tutti due ma, per contro, possiamo avere torto tutti due!
Dunque, infirmare ipotesi concorrenziale non da generalmente nessuna prova in favore dell'ipotesi che siamo difendendo.

- L'inferenze è necessaria
Una spiegazione oggettiva ha un potere di predizione che una spiegazione soggettiva non ha; una spiegazione veramente scientifica deve potere prendere la forma "se-allora": se questo è verificato, allora se ne deduca che...

- L'incarico della prova appartiene a quello che affirma
Per insistere su questa faccetta, ho lanciato nel 1986 sul servizio Videotel-Télétel zetetico dell'università di Nizza una richiesta di prove che è poi diventata la
Sfida Minitel 36.15 ZET
[N.B.: adesso- dicembre 2000 - si chiama "Sfida Broch-Majax-Theodor" ----> la Sfida <----], sfida valevole per il mondo intero con un premio di 1 milione di franchi francesi (quasi... 220.000.000 lire)! [N.B.: oggi - dicembre 2000 - il premio è di 200 000 Euros]
Il deposito è garantito davanti notaio e le 200 milioni di lire andranno subito al soggetto-psi o medium che potra fare - davanti Gérard Majax (illusionnista), Jacques Theodor (il firmatario del assegno), e me stesso - la prova dei suoi poteri.
Gli esperimenti si svolgono seguendo uno protocollo elaborato e accettato dalle due parte e gli controlli dipendono del tipo di potere allegato.
Per esempio, per l'esperimento-test di telepatia con Christian Chris - parapsicologo e ipnologo professionale, soggetto "emittente" - e la sua sensitiva Régine X - soggetto "ricevente" - abbiamo seguito questa sequenza di comune accordo: soggetti separati (disposti in due edifici vicini sul campus della Facoltà di Scienza di Nizza), messi interamente nudi, ispezionati da due medici (autorizzazione ottenuta in anticipo di un ospedale per fare uno "scanner" se c'era necessità), vestiti di piedi in capo con vestiti nostri,...etc. Régine, il soggetto "ricevente", era in una gabbia di Faraday che avevo fabbricato per la circostanza (1)...
Finora, 99 soggetti-psi
[ N.B.: in dicembre 2000, siamo a 253 soggetti psi] hanno tentato di raccogliere il guanto, ma l'assegno è sempre quà e la carica della prova è sempre nel campo dei "paranormalisti".

 

Ci sono altre faccette nella Zetetica ma penso averne fatto un giro rappresentativo per dare il gusto di proseguire su questo cammino

Prima di concludere, vorrei insistere su un punto forse un po troppo misconosciuto:

Deve essere chiaro che gli tenenti del paranormale contribuiscono a una mistificazione della conoscenza; mistificazione che resulta in una concezione del mondo nella quale numerosi fenomeni scappano irrimediabilmente alla comprensione - dunque al controllo - della maggior parte degli individui. E questa deformazione dei modi di pensiero inducca, tra altre cose, una stratificazione del mondo sboccando sulla de-responsabilisazione del individuo.
E principalmente per questa ultima consequenza nel comportamento - che si puo vedere anche direttamente sui nostri studenti in materie scientifiche - che penso che il mio dovere di insegnante, la mia missione sia professionale che sociale, è di spiegare che la profilassi delle pseudo-scienze è uno degli imperativi del sistema educativo di oggi (1, 8).

Per concludere, vorrei dire che è legittimo, lecito di interessarsi ai fenomeni paranormali ma non si deve mai dimenticare che il diritto al sogno ha per riscontro il dovere di vigilanza.


Per essere forse un po meno serio - ma non meno preciso - invito tutti lettori a fare delle sedute spiritiste e quando il tavolino si muove e gira, invece di fare la domanda
Spirito, dove sei ? propongo di aggiungere un piccolo aggettivo e cosi fare la domanda:

Spirito critico, dove sei ?

 

Referenze:
(1) Henri BROCH (1991), "Au Coeur de l'Extra-Ordinaire", Horizon Chimérique, Bordeaux. Per avere informazioni e referenze zetetiche (quasi un migliaio !) su tutti campi del paranormale, riferirsi a questo libro.
(2) Henri BROCH (1985), "Le paranormal", Seuil, Paris
(3) Henri BROCH (1976), "La mystérieuse pyramide de Falicon", France-Empire, Paris
(4) Henri BROCH, Michel ROUZE (1984), "Le Projet Alpha: rapport sur trois années de psi", Science et Vie N° 796, janvier, p. 88 ff
(5) Henri BROCH (1981), "Les mystificateurs de la sainte Hemoglobine", Patriote Côte d'Azur N° 732, 2/9 octobre, p. 2
(6) Henri BROCH (1988), "La mémoire de l'eau. Analyse critique de la publication de Benveniste et al. in Nature", service Minitel de l'Université de Nice, 6 juillet 1988, in dossier Homéopathie
(7) Henri BROCH (1991), "Esprit critique es-tu là ?", PEMF (BT2 N° 239), Mouans-Sartoux
(8) Henri BROCH (1985), "Une épée de Damoclès sur l'Education, la Science et la Culture", European Journal of Science Education vol. 7, N° 4, p. 353 ff

© H. Broch 1992.
Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo articolo puo' essere riprodotta - in qualunque forma - senza un permesso scritto.

.